fbpx
Una forma di arte pop… up

30 Nov 2020

Una forma di arte pop… up

Persone e natura, prospettiva, materiali naturali e trasformazione,
 fino a quando le opere d’arte scompaiono alla vista.

Imparare dai propri studenti. Può sembrare un paradosso, ma le fonti d’ispirazione non hanno confini o ruoli da rispettare.

All’inizio di ogni anno, Nico Laan portava i suoi studenti della scuola d’arte in spiaggia in modo che potessero disegnare sulla sabbia. Aveva l’abitudine di far volare un aquilone in alto con una telecamera collegata per catturare il loro lavoro da una vista a volo d’uccello.

Uno degli studenti ha disegnato un cubo che sembrava distinguersi dal resto del lavoro“, racconta.

Nico cominciò a pensare alla prospettiva, si chiese se potesse realizzare lavori nella sabbia che sarebbero apparsi completi solo se visti da una specifica angolazione.

Ha iniziato così a creare enormi dipinti di sabbia che compaiono lungo tutta la costa dei Paesi Bassi.

Un rombo perfetto disegnato con delle strisce sulla sabbia
Fonte: https://nicolaan.nl/

I suoi disegni sono un esempio di anamorfosi applicata, possono sembrare distorti o incompleti, ma quando vengono fotografati da una certa angolazione, con il suo drone, possono essere visti come voleva Nico.

A seconda delle dimensioni, ogni pezzo può richiedere qualche ora o qualche giorno di lavoro in spiaggia, ma la vera preparazione inizia a casa davanti al computer. La larghezza di ogni linea e la distanza tra ogni forma deve essere pianificata meticolosamente, per assicurarsi che i disegni appaiano dal cielo come previsto.

Nico in precedenza si era rassegnato all’idea che una volta che la natura avesse avuto modo di farlo, i suoi pezzi sarebbero scomparsi con l’alzarsi della marea.

Una spirale disegnata sulla sabbia gioca con l'acqua del mare che si ritira
Fonte: https://nicolaan.nl/

Invece, proprio nel caso di una delle sue opere dalle dimensioni più importanti, si accorse che quando il mare era venuto e se n’era andato, anche le linee sottili erano ancora molto visibili.

Abbiamo iniziato ad aspettare che le cose andassero sott’acqua, per vedere che effetto avrebbe potuto avere” ha raccontato Nico.

La natura trasformava così i suoi disegni in qualcos’altro, di simile ma diverso allo stesso tempo e Nico cominciò a progettare opere pensando agli effetti della natura.

Un foglio di “coni di sabbia” perfettamente allineati che sono diventati più belli solo quando il sole proiettava le loro ombre sulla sabbia, o un insieme di crateri che, una volta che la marea si è ritirata, sono rimasti riempiti d’acqua che rifletteva il cielo azzurro sopra. Anche il vento può essere uno strumento per Nico, poiché sposta la sabbia da un lato e crea un modello completamente nuovo.

Gli elementi naturali trovano la loro strada nella sua arte, in perfetta armonia.